Chat with us, powered by LiveChat
ATTENZIONE: Comunicazione rivolta a te che sei un imprenditore.
Non importa chi sei, non conta il settore, non ha rilevanza da quanto sei in giro, quello che è fondamentale è che hai un’azienda, che inizia ad avere dei debiti, quindi sei uno che DEVE far quadrare i conti.
Se è da un po’ che prendi tempo e ignori i debiti della tua azienda, sperando che spariscano, è ora che tu in guardi in faccia la realtà e smetta di fare l’errore che ha rovinato tantissime famiglie in Italia: ASPETTARE.

[supsystic-show-popup id=104]

Con la mia consulenza e l’intervento del mio team anche tu potrai smettere subito di preoccuparti dei debiti che ti stanno rovinando la vita e stanno annientando il futuro dei tuoi figli e riuscire a…

[supsystic-show-popup id=104]

  • Salvare la tua azienda per intero, anche se pensavi di doverne sacrificare dei pezzi per farla sopravvivere
  • Cancellare i debiti che la stanno affossando, senza dover per questo chiudere baracca e burattini
  • Smettere di passare le tue giornate ad angosciarti sul tuo business, nonostante fossi pronto a mollare tutto, perché non ce la fai più
  • Vaporizzare per sempre quel senso di angoscia che ti accompagna e occuparti di quello che davvero sai fare: far crescere la tua azienda COME MERITA

[supsystic-show-popup id=104]

[supsystic-show-popup id=104]

MA NON SOLO…

[supsystic-show-popup id=104]

Mentre facciamo resuscitare dal regno dei morti le tue liquidità infatti imparerai anche a gestirle al meglio e SAPRAI FINALMENTE GESTIRE AL MEGLIO I TUOI FLUSSI DI CASSA.

Non rimedierò solo ai problemi accumulati in un passato difficile, MA anche agli errori che sicuramente faresti nel futuro.

Hai capito bene, avrai le chiavi in tasca per far funzionare la tua azienda, come avrebbe SEMPRE dovuto andare.

Visto che stai leggendo queste righe (che non sono proprio due diciamocelo), voglio essere davvero chiaro con te:

[supsystic-show-popup id=104]

Aspettare che qualche anima pia ti salvi, che il padre eterno ti conceda un prestito, che un grosso cliente compaia alla tua porta, ecco questo non salverà il tuo business, anzi ogni giorno che passa posso assicurarti che i tuoi problemi si raddoppieranno a vista d’occhio.

[supsystic-show-popup id=104]

Aspetta, aspetta, lo so cosa stai pensando:

“Ma guarda te sto sbruffone che mi viene a dire cosa devo fare io che faccio affari prima ancora che lui nascesse”

Hai ragione, sono stato un po’ duro, ma sinceramente CHI SE NE FREGA, non hai tirato su un’azienda dal niente o portato avanti con orgoglio quella lasciata in eredità da tuo padre, facendo il sensibile e non è preoccupandomi di urtare i tuoi sentimenti che ti salverò dall’incubo in cui stai finendo.

Non metto in dubbio che quello che offri sia davvero valido, non è per quello che la tua azienda è in crisi.

Quello che fai, vendi, produci è sicuramente di buona qualità, altrimenti non staremo nemmeno qui a parlarne e sicuramente tu sai fare il tuo lavoro, non saresti in giro da così tanto tempo in tal caso.

Il problema è un altro, TU come tutti gli imprenditori del mondo non ti occupi solo di fare e vendere, tu devi anche districarti in quel labirinto atroce di rovi che è il sistema bancario e parliamoci chiaro: nessun direttore di banca ha davvero interesse a spiegarti come funzionano le cose e come puoi uscirne.

“Beh, ma per far quadrare i conti c’è il commercialista, cosa c’entro io?”

Immagino che se sei su questa pagina il tuo commercialista non stia proprio andando alla grandissima ecco.

Come ti dicevo prima, aspettare che qualcosa si smuova agendo come hai sempre fatto non è la strategia vincente.

“Sì senti io di sicuro non mi posso mettere conti in mano a guardare i bilanci”

Non sono uno sprovveduto, so benissimo che il tuo tempo è prezioso e che non puoi seguire ANCHE questo aspetto della tua azienda, perché già devi:

  • Rispondere alle 289 domande dei tuoi dipendenti, che iniziano a sentire che qualcosa non va e sono sempre più angosciati di perdere il posto di lavoro
  • Rincuorarli e incoraggiarli, perché non riescono proprio a essere produttivi con la testa che vaga sulle loro vacanze al mare che saltano, perché lo stipendio poterebbe essere in ritardo
  • Tenere a bada i fornitori, che avendo sentito delle voci sui tuoi buchi in bilancio iniziano a voler essere pagati TUTTO E SUBITO e vedono qualsiasi ritardo (anche burocratico) come una spia d’allarme del baratro in cui ti vedono scivolare insieme ai loro soldi
  • Correre da una filiale all’altra, aspettando di essere ricevuto da un direttore di banca che ti evita meglio di come Rocky evitava i cazzotti di Apollo sul ring.
  • Girare come una trottola impazzita fra i diversi istituti di credito sperando che qualcuno prima o poi ti spieghi perché non vengono accettate le tue richieste di finanziamento.

E in tutto questo magari, dovresti anche far andare avanti l’azienda, se ti avanza tempo, la notte:

  • Occuparti del business plan
  • Parlare con i venditori
  • Parlare con i clienti
  • Pensare alle strategie future
  • Assumere qualcuno, perché la segretaria se n’è andata

E mi fermo qui, perché sta venendo il mal di testa a me non immagino come ti senta tu. Non cito nemmeno il fatto che finito questo, devi tornare a casa dalla tua dolce metà, sentire com’è andata la sua giornata, parlare con Matteo che ha preso una nota a scuola e controllare che Alice abbia fatto i compiti.

Come ti dicevo, lo so cosa devi fare ogni giorno, so benissimo che il tempo di sicuro ti sparisce fra le mani senza che nemmeno te ne accorgi.

Non ti sto dicendo infatti che devi preoccuparti TU dei conti, di farli davvero, di scrivere i numeri, di controllare le uscite o le entrate.

Quello che devi far è trovare qualcuno che se ne occupi al posto tuo, ma che lo faccia DAVVERO.

[supsystic-show-popup id=104]

“Ma lo sto facendo, l’hai detto anche tu, vado ad appuntamenti, giro da una parte all’altra, di certo non me ne frego”

[supsystic-show-popup id=104]

Lo so che stai facendo il possibile e che riponi in quegli incontri con i direttori di banca tutte le tue speranze, che li guardi come se fossero Clint Eastwood nel vecchio west e speri che da un momento all’altro tireranno fuori la pistola per difenderti dal brutto, dal cattivo e tutti i nemici che ti stanno ostacolando.

Perché sei un imprenditore onesto, loro lo sanno e mettendoci la faccia, andando là di persona è sicuro al 100% che ti ascolteranno.

[supsystic-show-popup id=104]

NO, NON VA COSI’

[supsystic-show-popup id=104]

Mi spiace, ti giuro che fatto il duro fino ad adesso, ma in realtà mi si spezza un po’ il cuore a dirtelo, ma voglio davvero che tu apra gli occhi: la tua reputazione non ti salverà, passare le tue giornate a incontrarli non servirà a niente e tu stai solo sprecando il tuo tempo, che ora più che mai è davvero prezioso.

[supsystic-show-popup id=104]

“Vabbè ma comunque ho il mio commercialista di fiducia che mi segue”

[supsystic-show-popup id=104]

E che risultatati ha portato?

Aspetta, capiscimi, non sto parlando male della categoria, i commercialisti fanno tutti un lavoro importantissimo e tantomeno non parlo male del tuo, che sicuramente è un professionista fidato, ma pensaci un secondo…

Anzi forse con un esempio è più chiaro: chiederesti mai a un medico generico di operarti al cuore? Accetteresti che una maestra delle elementari insegni latino a tuo figlio? Pagheresti un supermercato per fare il catering del tuo matrimonio?

La risposta è NO in tutti questi casi, senza sprecare nemmeno un istante a pensarci.

E non perché non siano persone valide in quello che fanno, MA perché quello che davvero serve in certe occasioni è un esperto.

Saper fare i conti, essere affidabile e preciso nel tenere il bilancio della società non rende il tuo commercialista uno specialista di ristrutturazione del debito.

[supsystic-show-popup id=104]

“Ok tu che sai tutto, cosa mi serve esattamente?”

[supsystic-show-popup id=104]

Ti serve qualcuno che, come me, faccia questo dalla mattina alla sera, che ne mastichi di economia, come gli americani masticano gli hamburger, che nella vita si occupa solo e soltanto di ristrutturazione dei debiti, che sappia parlare con le banche, con i finanziatori, con tutto ciò che può davvero minacciare il tuo futuro.

E che se vieni da noi troppo tardi, quando è inevitabile finire in tribunale ecco a quel punto possa continuare a seguirti, senza doverti sbolognare al primo avvocato che passa, che la mattina ha curato un divorzio e in pausa pranzo si occupa delle tue paure, del tuo futuro, dei tuoi sogni.

[supsystic-show-popup id=104]

“Scusa ma tu hai detto che mi serve uno specialista e adesso vuoi scaricarmi a qualcuno che un po’ fa finanza, un po’ va l’avvocato e nel tempo libero mi pota le siepi in giardino?”

[supsystic-show-popup id=104]

Hai ragione, so cosa può sembrare, “ha detto peste e corna di chi fa di tutto un po’, ma solo per vendermi il suo servizio” ma prenditi ancora 5 minuti di tempo e capirai tutto, e finito di leggere capirai anche tu che sono i migliori 5 minuti che hai mai investito in qualcosa.

Quello che ti offro infatti è una visione completa dei fatti. Non sono un genio e non ho abilità fuori dal normale, ma in oltre 10 anni di esperienza e più di 1600 casi seguiti mi sono reso sempre più conto di una cosa: la ristrutturazione dei debiti di un’azienda è come un puzzle delicatissimo, bisogna mettere insieme i pezzi uno dietro l’altro per riuscire alla fine a guardare l’immagine e dire: ce l’ho fatta.

Qual è il problema degli altri approcci a queste situazioni?

Dov’è che tutti gli altri sbagliano?

Tutti affidano la creazione di questo puzzle a esperti differenti, uno si occupa dei bordi, l’altro completa la figura al centro e c’è anche un terzo va a comprare la cornice, giusto per non farci mancare nulla.

Il problema è che queste 2,3, 4 persone o quante sono non parlano fra di loro, non comunicano e i pezzi INEVITABILMENTE si perdono.

Ma non solo non si parlano, molto spesso dicono a te cose completamente diverse e tu non sai più che pesci prendere.

A dipendere da quel puzzle però ci sono infinite cose, c’è la tua azienda, che hai tirato su dal niente o che tuo padre ti ha lasciato guardandoti con orgoglio mettere piede lì dentro.

C’è la tua famiglia, che ogni giorno tornato dal lavoro ti guarda sperando che tutto si sia magicamente risolto.

C’è la vita dei tuoi dipendenti, che ti scrutano ogni mattina con un peso nel cuore, sperando di cogliere dal tuo sguardo un segnale, che gli dica che tutto andrà a posto.

[supsystic-show-popup id=104]

“Mmmmm in effetti quello che ho fatto fino ad adesso non mi ha portato tutti sti risultati, però non mi è chiaro tu cosa mi proponi?”

[supsystic-show-popup id=104]

Io ho pensato per te un servizio completo, che pensi al prima, al durante al poi e se vuoi non sono male a potare le siepi in effetti.

Scusa la battuta, cerco di sdrammatizzare perché so cosa stai vivendo, l’ho visto negli occhi dei miei moltissimi clienti.

Ma tornando a quello che ti offro io, se decidi che vuoi sistemare effettivamente la tua situazione una volta per tutte e affidarti a me e al mio team:

  • Verrai seguito applicando alla lettera il mio sistema, che ha dato risultati VERI, DOCUMENTABILI E MISURABILI in più di 1600 casi (i numeri si sa parlano sempre meglio di tutti
  • Potrai smettere di inseguire il tuo avvocato, il tuo commercialista o qualsiasi persona che segue i tuoi affari, pregando in una risposta, infatti sarai SEMPRE aggiornato da una figura di riferimento, che non ti lascerà MAI brancolare nel buio
  • Avrai finalmente tutto il tempo che ti serve per occuparti DAVVERO del tuo business, che hai fin troppo trascurato e farlo risorgere e decollare come merita

Aspetta, fermati, li sento gli ingranaggi che girano impazziti nel tuo cervello per capire l’inghippo e lo capisco, di gente che si approfitta di chi è in momento di difficoltà straborda il mondo, appena dici “ehmm avrei un problema” li vedi uscire da ogni parte, come se fosse un attacco zombie, pronti a mangiare ogni centesimo che ti rimane, promettendoti la luna.

Faccio un passo indietro quindi:

[supsystic-show-popup id=104]

Chi sono io e SOPRATTUTTO com’è nato il mio metodo rivoluzionario

[supsystic-show-popup id=104]

Mi chiamo Giuseppe Di Domenico, ho 33 anni e, come ti dicevo lavoro in questo settore da più di 10 anni.

Se hai fatto due conti hai già capito: lo faccio da sempre.

Esatto, è proprio così, ho iniziato a fare questo lavoro quando ancora non lavoravo, la mia tesi di laurea si è basata sulla ristrutturazione di un debito aziendale e da lì non ne ho più potuto fare a meno, salvare le imprese italiane, quelle valide, quelle che se lo meritano, ma hanno avuto qualche normale incidente di percorso è diventata una specie di droga per me.

Guardare persone che pensavano di essere costrette a rinunciare tutto, veder sparire per sempre il loro sogno, ecco quello mi dà una soddisfazione mai trovata altrove.

Ecco lo sapevo che arrivato a questa parte non sarei riuscito a mantenermi lucido, ma ci provo, con ordine.

Finita l’università sono andato a lavorare in una grande azienda che si occupava di grosse multinazionali, ero giovane, bello (mamma perlomeno diceva così) e dopo tutti i sacrifici che avevo fatto per riuscire a finire gli studi in tempo, lavorando il pomeriggio dopo lezione, mentre i miei compagni di corso pensavano a dove avrebbero fatto aperitivo, ecco dopo tutta quella fatica c’era un’unica cosa che volevo essere: RICCO.

Ti giuro che mi vergogno a dirlo, se penso a quella faccia arrogante uscita dall’università col petto gonfio d’orgoglio, ecco mi imbarazzo per lui.

Ma capiscimi, venivo dal sud, da quelle zone dove o te ne vai o puoi scordarti di essere onesto.

Avevo perso mio padre a 6 anni e da lì non ero mai più stato bambino un solo giorno nella mia vita, la mattina prima pensavo a che regalo avrei chiesto per la mia promozione, la mattina dopo non avevo altro pensiero che far sorridere mia madre.

24 ore non sono abbastanza tempo per diventare grande, ma io avevo avuto solo quelle.

A 16 anni ero divorato dentro dal desiderio di farcela, andarmene, essere meglio di tutti quelli che mi circondavano, pensavo a mio padre, a come mi avrebbe guardato se mi avesse visto vestito come quei manager con una camicia elegante con cucite le mie iniziali.

Pensavo all’orgoglio nei suoi occhi e andavo avanti come un treno nella mia strada.

Quando ho detto a mia madre che volevo fare la Bocconi non l’ha presa bene: “non ci basteranno i soldi e poi come farai lontano da casa?”

La domanda vera era come avrebbe fatto lei, ma alla fine il mio cieco desiderio di andarmene ha convinto anche lei.

Ho lavorato tutte le estati per tutta l’estate in un magazzino di amici di famiglia per i seguenti tre anni (non per lamentarmi, ma luglio a spostare scatoloni con 40 gradi all’ombra non è il massimo), non ho preso un centesimo di quei soldi, sono tutti finiti in un conto che mi madre chiamava: il forziere col brillante futuro di Giuseppe dentro.

Non sto a tediarti con gli infiniti lavori che ho fatto in quegli anni, mi sono dilungato anche troppo, MA volevo che tu capissi, tutta quella carica e quella voglia di farcela, diventando ricco, da dove arrivava.

Ecco proprio quel desiderio cieco, che mi aveva tenuto in piedi fino a quel momento rischiava di farmi dimenticare chi ero.

Lavoravo da qualche tempo in questa grande multinazionale e vedevo applicati protocolli, sistemi, meccanismi, procedure etc tutto il giorno tutti i giorni, uscivo con i miei colleghi incravattati, mi divertivo, qualche volta ci scappava qualche avventura di quelle da raccontare, ma niente di più.

[supsystic-show-popup id=104]

ERA UNA ROUTINE QUOTIDIANA INSENSATA

[supsystic-show-popup id=104]

Un giorno però ho incontrato una persona che mi avrebbe cambiato per sempre l’esistenza.

No, non è una bella storia d’amore, o meglio sì dai è la storia di come ho conosciuto il mio lavoro, quindi è un po’ un grande amore.

Al bar dove facevo colazione ogni mattina ho iniziato a fare amicizia con un certo Valeriano, era un piccolo imprenditore e tra un espresso e l’altro abbiamo iniziato a raccontarcela su.

Più passavano i mesi, più lo frequentavo, più percepivo che c’era qualcosa che non mi tornava nel suo racconto.

Finché un giorno a cuore aperto mi disse chiaramente come stavano le cose:

“Giuseppe senti non te ne ho mai parlato perché insomma, mi vergognavo, ma la mia azienda ha qualche debito… cioè sto aspettando risposte dal mio commercialista in realtà e… pare che la banca stia vagliando la mia situazione economica ora e dovrebbe arrivare un prestito…”

Questi puntini che tu leggi erano pause, di imbarazzo, di tristezza di un uomo adulto che chiede a un ragazzino qualche dritta.

Ma quello che si doveva vergognare ero io.

L’ho capito in un istante, è stato come quando sono cresciuto da una mattina all’altra. In un solo momento mi sono reso conto che a nessuno dei miei colleghi fregava niente dei loro clienti e ogni successo lavorativo ere un mettersi in mostra verso la direzione, ma devo ammetterlo: era così anche per me.

Ma non era troppo tardi, non ero un uomo di 80 anni che si rendeva conto di aver sprecato la sua vita, avevo preso un percorso sbagliato, ma che mi aveva dato talmente tante conoscenze che ne era valsa la pena.

Aiutato Valeriano, mi trasferì in uno studio più piccolo, niente sboroni pieni di sé a mettersi in mostra, niente aperitivi di facciata con persone, pronte ad accoltellarmi peggio di Bruto, niente di tutto questo.

[supsystic-show-popup id=104]

Ma non ero ancora soddisfatto, a quel punto sapevo cosa volevo fare, MA non lo stavo ancora facendo.

[supsystic-show-popup id=104]

Io volevo aiutare gli imprenditori, ma DAVVERO, non salvare il possibile, ma ridargli una vita, dignitosa e un’impresa ancora in grado di tuffarsi nel mondo degli affari con la stessa grazia di Tania Cagnotto.

C’era un errore di fondo nell’approccio che usavano tutti e potevo finalmente vederlo.

Tutti aspettavano sempre.

Aspettavano che la situazione diventasse catastrofica, che i tribunali fossero inevitabili, che arrivassero le lettere, insomma qualsiasi cosa, quelli aspettavano e basta e poi correvano a mettere garze per tamponare la ferita sanguinante.

Io guardavo i casi scorrermi davanti uno dietro l’altro e non capivo, mi sentivo come i bambini quando iniziano quel loop di “perché” che fa impazzire tutte le mamme.

Nessuno riusciva a rispondermi. Insomma avevo messo da parte la mia presunzione, ero pronto, volevo scendere in campo e aiutare gli imprenditori per davvero, ma non c’era modo di farlo come dicevo io.

[supsystic-show-popup id=104]

Così ho deciso alla fine che se nessuno me lo faceva fare, allora ci avrei pensato io.

[supsystic-show-popup id=104]

Ho messo su la mia azienda con i due ingredienti che mancavano a tutti gli altri:

  • Intervenire PRIMA che la frana arrivi a valle seppellendo l’azienda sotto un mare di debiti e costringendola a chiudere
  • Avere una visione di insieme, completa, data da avvocati che lavorano nel mio network e esperti di finanza come me, che io stesso ho formato secondo il mio metodo.

[supsystic-show-popup id=104]

A questo punto bando alle ciance e basta con la storia della mia vita, e finiamola anche con tutti i paroloni su come ti aiuterò. È il MOMENTO di spiegarti in concreto come funziona il mio sistema, il Metodo Di Domenico Debiti™

[supsystic-show-popup id=104]

Qualsiasi sia il tuo problema, qualsiasi sia la situazione più o meno terribile in cui versa la tua azienda le fasi attraverso le quali lo affronteremo sono 3.

1. Gli esami salvavita

Sì, perché alla fine per quanto mi piaccia pensare alla nobiltà del mio lavoro so benissimo che i miei clienti non sono contenti di venire da me, ma mi basta che siano felici quando se ne vanno dai.

Quindi la prima fase si può un po’ paragonare al fare una serie di (diciamolo pure) esami medici, a nessuno piacciono, ma bisogna fare ciò che è necessario.

Una volta capita la situazione, il punto di partenza con dati CHIARI E LIMPIDI alla mano, avendo in mano tutte le informazioni che ci servono, a quel punto passeremo nel vivo della questione.

2. La diagnosi e la cura

Sì, lo ammetto, questa metafora mi piace tanto.

Comunque a questo punto avrò le tue informazioni in mano, saprò chi sei, come funziona la tua azienda, dove vanno i tuoi soldi, perché si dileguano, che finanziamenti hai già in corso, insomma tutto, saprò anche se nel 1980 hai ridato a tuo nonno le 5 mila lire che ti aveva prestato.

Con questi dati in pugno possiamo iniziare a decidere come muoverci, che soluzioni intraprendere e perché sono le migliori scelte.

3. La terapia e la cura

A questo punto mettiamo in pratica il vero percorso operativo, uno specialista del mio team ti seguirà, andrà a trattare con i tuoi creditori per ottenere degli sconti sul tuo debito e far sì che tu abbia le liquidita necessarie a portare avanti IN SERENITÀ il tuo business.

Quando avremo risolto la tua situazione non dovrai più saltare su ogni volta che ricevi una telefonata o guardare il postino come se fosse il tuo acerrimo nemico, perché avrai:

  • Chiuso tutte le tue posizioni aperte con istituti di credito in modo vantaggioso, anche se pensavi che ti avrebbero dissanguato
  • Sistemato i tuoi flussi di cassa e imparato come gestire le tue finanze in modo DAVVERO efficace
  • Imparato come non ripiombare in questo disastro, anche se eri davvero convinto che saresti stato PER SEMPRE in balia degli eventi

[supsystic-show-popup id=104]

“Mi hai davvero convinto, ma tutte le situazioni sono diverse, il mio caso è un po’ particolare, sei certo che puoi davvero aiutarmi?”

[supsystic-show-popup id=104]

No.

O meglio, io sono SICURO al 100% che in qualsiasi situazione in cui si può fare qualcosa io sono la persona che porterà a casa il risultato con maggiore efficienza, ma non sono uno sciacallo né un approfittatore.

Sono onesto davvero, non voglio fregare nessuno, ci sono dei casi in cui gli imprenditori arrivano da me TROPPO TARDI, non posso più fare niente, non sono un avvoltoio, non prendo soldi per un lavoro che non porterà a niente; non mi capita spesso questa situazione, anzi a dire il vero è molto raro.

Guarda me ne sento dire di tutti i colori per questo, moltissimi squali del mercato che ci sono in giro lo fanno, buttano lì qualche frasetta a mezza voce che dica “mmm è molto critica la situazione”, così poi si sono coperti quando falliscono.

Io non faccio così mi dispiace.

Ma non sbatto nemmeno le porte in faccia a nessuno, prima ascolto, valuto, pongo le mie domande e se si può intervenire anche nei casi più estremi stai pur certo che farò tutto quello che posso e so fare e uscirai vittorioso da questa situazione.

Ma prima devo capire se ti sto facendo investire i tuoi soldi nella SOLUZIONE DEFINITIVA PER I TUOI DEBITI o se gli errori commessi, le sfortune capitate alla tua azienda l’hanno messa in un pozzo dal quale non può uscire, cosa che ripeto è davvero molto rara.

I casi sono tra loro sono sempre molto diversi, ma le alternative sono soltanto 2:

  • Posso aiutarti e lo farò con ogni briciolo di energia che ho, tirando in campo TUTTE le mie conoscenze, la mia esperienza e la mia competenza
  • La tua situazione non è adatta al mio servizio e allora te lo dirò APERTAMENTE senza troppi giri di parole.

[supsystic-show-popup id=104]

“E cosa devo fare per saperlo?”

[supsystic-show-popup id=104]

Tutti i miei nuovi clienti hanno avuto, prima di iniziare qualsiasi tipo di percorso una consulenza preliminare con un esperto del mio team.

Una consulenza che è come gettare le fondamenta di una casa nuova, un piccolo passo, che porta metro per metro a ottenere risultati incredibili e che non si pensava nemmeno sarebbero potuti nascere da un semplice primo mattone.

Quindi ora chiudi gli occhi e immagina questo:

  • Immagina di tornare a casa dopo una giornata di lavoro, aprire la mail e trovare tutti gli aggiornamenti sulla tua situazione
  • Immagina di sapere esattamente in che direzione vanno le trattative per la risoluzione del tuo caso
  • Immagina di poterti concentrare davvero sul tuo business, con la mente LIBERA da tutti gli altri pensieri
  • Immagina la tua attività che cresce perché tu riesci a dedicarle TUTTO il tuo tempo, mentre un team di esperti risolve i tuoi problemi
  • Immagina di non mettere più giù il telefono angosciato da un istituto di credito che ti assilla, ma felice per aver chiuso una trattativa con un grosso cliente
  • Immagina la tua dolce metà libera che ti guarda con orgoglio per i tuoi successi
  • Immagina la tua azienda funzionante alla perfezione, come l’hai sempre sognata e pensa a lasciarla ai tuoi figli un giorno

Ok. Hai visualizzato tutto questo?

Ora rispondi a una semplice domanda:

[supsystic-show-popup id=104]

[supsystic-show-popup id=104]

Quanto vale per te questo futuro?

[supsystic-show-popup id=104]

Lo so, non sai rispondere, che valore si può dare al sorriso dei tuoi figli, al loro primo giorno in quell’università in cui volevano tanto andare?

“Ok io ti ho ascoltato fino ad adesso, ma ora non dirmene più, vuoi vendermi uno di quegli appuntamenti a prezzi altissimi in cui non mi dici nulla di nulla, ma in ogni caso che mi affido a te o no sei sicuro che il portafoglio l’ho aperto”

È quello che avrei pensato anche io, sono esattamente le parole che mi si sono scolpite in testa non sai quante volte, mi ricordo l’ansia di pensare che i pochi risparmi che avevo me li avrebbero portati via senza darmi NIENTE in cambio.

Mi sono trovato talmente tante volte a scegliere fra i miei ultimi risparmi investiti in un corso, in un servizio che in teoria avrebbe dovuto cambiare la mia vita e il tenermeli stretti.

E non sai quante volte mi sono reso conto solo dopo aver rinunciato che sarebbe stato DAVVERO un ottimo investimento.

Non voglio che succeda a te né a nessuno dei miei clienti, anche perché qua è in ballo il futuro della tua intera azienda e non voglio davvero tu sia fra quelli che arriva da me DOPO, quando è troppo tardi e io devo correre come una trottola impazzita per ottenere la META’ dei risultati che avrei ottenuto qualche mese prima.

Parlerai con uno dei miei ragazzi, formato personalmente da me, avrai di fronte una persona di estrema competenza pronta a rispondere alle tue domande e ai tuoi dubbi.

Un servizio del genere normalmente HA UN COSTO DI 297 EURO, ma mi è successo troppe volte che questa spesa iniziale frenasse imprenditori, con i quali, mesi dopo ho potuto fare molto, ma sempre con l’idea fissa che avrei potuto fare di più.

Quindi ho deciso di prendermi questo rischio e lo è per me fidati e di:

[supsystic-show-popup id=104]

DARTI TUTTO QUESTO

GRATUITAMENTE

[supsystic-show-popup id=104]

[supsystic-show-popup id=104]

Hai capito bene, non dovrai spendere nemmeno un euro, io pagherò comunque il lavoro al mio esperto, ma tu non dovrai sborsare un centesimo, mi prendo questo rischio, perché vedo un po’ in tutti gli imprenditori Valeriano, il mio primo cliente e penso davvero che capire a che punto si trova la tua azienda POSSA CAMBIARE PER SEMPRE LE TUE SORTI.

Non è uno scherzo, non c’è fregatura, non ti farò firmare niente bendato sotto effetto di droghe psichedeliche, ma c’è un’unica condizione:

[supsystic-show-popup id=104]

che mi dimostri che vuoi davvero uscire dalla tua situazione prenotando SUBITO

[supsystic-show-popup id=104]

Vedi il timer qui sotto?

Quando i numeri saranno allo zero l’offerta sarà scaduta e perderai la tua occasione di avere una consulenza privata con uno degli esperti del mio team.

[supsystic-show-popup id=104]

Ma se prenoti subito, invece, avrai a tua disposizione l’esperienza e la competenza di uno specialista

[supsystic-show-popup id=104]

COMPLETAMENTE GRATUITAMENTE

Senza impegno, senza firmare nulla

[supsystic-show-popup id=104]

[supsystic-show-popup id=104]

Cosa aspetti?

Non commettere lo stesso errore che hanno commesso molti imprenditori prima di te.

Non aspettare, qualche mese in più potrebbe peggiorare drasticamente la tua situazione.

Ma se prenoti subito la tua consulenza GRATUITA e intervieni ORA puoi davvero dare una SVOLTA al tuo futuro e salvare la tua azienda

  • Senza sacrificarne rami;
  • Senza ipotecare le tue proprietà;
  • Senza rischiare ogni giorno il tuo futuro e quello dei tuoi figli.

[supsystic-show-popup id=104]

PRENOTA LA TUA CONSULENZA PRELIMINARE E FAI UN PASSO VERSO IL FUTURO CHE IL TUO BUSINESS MERITA

[supsystic-show-popup id=104]

Menu