Decreto Cura Italia: cosa si può applicare davvero?

Il blocco alla libera circolazione di persone e merci inizia a far sentire i propri effetti sui conti delle micro, piccole e medie imprese ed è improbabile che il continente europeo risolva l’emergenza sanitaria in 6 settimane come ha fatto in Cina.

La scadenza è ormai prossima, il numero di contagiati continua ad aumentare inesorabilmente e i capi politici del vecchio continente stanno ancora giocando a chi ce l’ha più duro a suon di dichiarazioni che dicono tutto e il suo esatto contrario.

Nel frattempo la strategia del “Sarà un Anno Bellissimo” sta iniziando a mostrare grosse falle.

Un timido tentativo di tappare i buchi della barca che affonda è stato fatto solo a circa due mesi dalla dichiarazione dello stato d’emergenza e dell’intervista televisiva “Siamo Prontissimi!”, quando la macchina statale ha partorito il primo decreto con misure per l’economia.

Un decreto aspirazionale, chiamato Cura Italia, che di curativo ha molto poco.

Come spesso accade in questi casi molto è stato dichiarato, ma a distanza di quasi due settimane dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale non si è ancora mosso granché.

Loro hanno Decretato, ma nessuno ha specificato chi dovesse FARE.

Nel frattempo le PMI sono state costrette a chiudere un pezzo per volta, in modo da riuscire nel difficile compito di far espandere il virus a macchia d’olio e allo stesso tempo ridurre sul lastrico decine di migliaia di imprenditori e famiglie.

Una strategia né carne né pesce per la quale il Paese pagherà un conto salato.

In questo scenario, mentre molti professionisti si trinceravano negli studi e inviavano le circolari scopiazzando gli standard pubblicate sulle riviste specializzate, io ed il mio network professionale abbiamo fatto quello che facciamo al solto: abbiamo testato le misure previste, lavorando normalmente.

Seguendo in tempo reale ogni circolare attuativa, analizzando ogni documento o direttiva ufficiale, abbiamo applicato (o tentato di applicare) ogni soluzione potenzialmente utile ai nostri Assistiti.

Abbiamo contattato decine di banche, amministrazioni regionali e rappresentanze locali degli enti pubblici per avere le risposte necessarie ad integrare queste opzioni nelle nostre strategie di gestione, utilizzando i mezzi che usiamo sempre: telefonate, videoconferenze, mail.

Gli imprenditori che assistiamo hanno bisogno di soluzioni pratiche e immediate, non possono aspettare che riapra tutto e ci possiamo riunire in studio per attuare le misure necessarie a salvare il salvabile.

Le risposte che abbiamo ottenuto ci hanno permesso di delineare il perimetro all’interno del quale le imprese devono muoversi, un tracciato che si evolve telefonata dopo telefonata, mail dopo mail, e di “scaricare a terra” le poche opzioni concrete messe sul piatto.

Per spiegare le soluzioni applicabili ai nostri Assistiti abbiamo organizzato tutte le conoscenze accumulate e le abbiamo comunicate ai nostri Assistiti durante un webinar di puro contenuto, senza fronzoli, chiacchiere o inutili bla bla, come quelli che sto vedendo in giro sui social in queste settimane.

  • Quali ammortizzatori sociali posso utilizzare?
  • Ci sono misure anche per me, che sono una piccola azienda?
  • Come faccio a pagare i miei dipendenti, se non posso aprire?
  • Come posso non perdere quel collaboratore così importante per me, che mi è costato tempo e denaro per la formazione?
  • Anche io, imprenditore, ho diritto ad una forma di sostegno?
  • Cosa racconto ai miei fornitori, se non ho incassi per pagare le loro fatture?
  • Come faccio a dimostrare loro la serietà che mi ha sempre contraddistinto, se non posso pagare nulla?
  • Come posso non perdere il rapporto commerciale che ho da tempo instaurato il loro?
  • Come faccio a pagare i miei mutui, se la mia azienda è chiusa e non ho la minima idea di quando possa riaprire?
  • Che differenza c’è tra quella prevista dal Decreto e la moratoria “classica”?
  • Quali prestiti posso sospendere?
  • Ci sono possibilità che la moratoria bancaria duri più dei sei mesi ad oggi previsti?
  • Come posso adempiere alle mie obbligazioni fiscali?
  • Cosa fare delle rateazioni che ho in corso?
  • Corro in rischio di ricevere cartelle esattoriali in questo periodo?

Queste sono alcune delle domande alla quale abbiamo dato risposta in questo Webinar, preparato ascoltando le richieste, le ansie, le paure e le aspettative dei nostri Assistiti, imprenditori come te costretti a fare i conti con la paralisi globale del sistema economico e commerciale.

Perché la nostra missione (im)possibile di divulgare le informazioni necessarie agli imprenditori per creare aziende finanziariamente solide e ad aiutare le imprese in difficoltà a tirarsi fuori dalle secche di una potenziale crisi finanziaria, in questo periodo è ancora più necessaria del solito.

Trovi tutto in questo video.

Da questo link puoi scaricare le slide —> Scarica Slide

In queste settimane il mio staff di consulenti resta a disposizione per assistere gli imprenditori che dovessero aver bisogno di un supporto in questa fase di transizione.

Continuiamo a lavorare per fornire indicazioni utili agli imprenditori in difficoltà e per garantire al maggior numero di imprese possibili di superare questo difficile momento per la salute e l’economia.

I nostri clienti sono già in contattato con il loro Gestori di riferimento per valutare la fattibilità delle strategie presentate, mentre gli imprenditori che ci seguono potranno richiedere assistenza gratuita fissando inserendo i dati in questo modulo di contatto.

Non ci dovremo incontrare.
 
Operiamo in smart-working da sempre, i nostri consulenti lavorano dalle loro residenze e dai loro studi privati in giro per il mondo da anni, siamo attrezzati per seguirvi a distanza attraverso call telefoniche, videoconferenze, comunicazioni elettroniche e procedure specifiche.
 
In bocca al lupo a tutti.
 
Noi ci siamo.
 
Segui gli aggiornamenti in tempo reale sul Gruppo Facebook —> #imprenditoricheresistono
 
PS. Se vuoi sapere cosa dicono di me e della mia squadra gli imprenditori che si sono affidati a noi, puoi visitare la pagina delle nostre testimonianze.
 

La trovi qui —> Cosa dicono di noi

PS. Ho deciso di riassumere i principi fondamentali di gestione dei debiti aziendali del Metodo Di Domenico Debiti™ anche all’interno de mio libro AZIENDE CHE SI FINANZIANO DA SOLE, nel quale attraverso i casi studio dei miei clienti ho spiegato com’è possibile creare un’azienda libera dai debiti e capace di autofinanziarsi.

Lo puoi acquistare qui —> Compra Aziende che si finanziano da sole

PPS. Vuoi imparare a leggere, interpretare e sfruttare a tuo vantaggio la Centrale Rischi, per avere un rating sempre più alto e credito a condizioni sempre più vantaggiose? Puoi farlo applicando le tecniche che trovi nel mio nuovo libro FATTI FINANZIARE GRAZIE ALLA CENTRALE RISCHI, nel quale ti rivelo come utilizzare la Centrale Rischi di Banca d’Italia per farti corteggiare dalle bancheottenere più finanziamenti e contrattare condizioni migliori per le tue linee di credito

Lo puoi acquistare qui —> Compra Fatti Finanziare

No results found

Menu