L’analisi dei ricavi e della marginalità ti farà guadagnare di più a parità di sforzo

Uno dei miei assistiti aveva un’azienda di packaging molto ben strutturata che si occupava di impacchettare e inscatolare prodotti cosmetici per conto terzi. 

Per anni era andato avanti vendendo i suoi prodotti e i suoi servizi a chiunque ne facesse richiesta, preoccupandosi di tenere sempre occupata la linea di produzione senza prestare particolare attenzione alla profittabilità delle commesse.

Tra i suoi clienti c’erano molti brand noti. 

Negli anni, Giorgio aveva investito tanti soldi in tecnologie avanzate per il packaging, da un lato per assecondare la crescita di fatturato, dall’altra perché cambiavano le esigenze dei clienti ed era necessario rinnovare l’offerta.

Giorgio doveva costantemente rinnovare la linea produttiva, sia per adeguarsi ai cambiamenti di mercato sia per rispettare le norme sanitarie relative ai prodotti cosmetici, in continua e costante evoluzione.   

Quando mi ha chiamato per una consulenza aveva bisogno di un nuovo finanziamento per aggiornare una parte della linea di produzione e non si spiegava perché la sua banca stesse temporeggiando nell’erogazione di un finanziamento che aveva chiesto. 

Non aveva mai avuto problemi fino a quel momento e l’andamento delle linee di credito, che avevamo analizzato nella prima fase dell’analisi quantitativa, non giustificava quel blocco alle erogazioni.

Quindi siamo andati più a fondo e, analizzando i bilanci, ci siamo focalizzati sulla struttura dei ricavi e dei margini di guadagno per cercare di capire quale pericolo stessero percependo gli analisti della banca.

Abbiamo analizzato, cioè le modalità in cui veniva generato il fatturato e, soprattutto, il modo in cui venivano prodotti i margini. 

Analizzare questi elementi permette di capire quali sono i fattori determinanti per il successo di un’azienda, e quali sono quelli più importanti per la riduzione del rischio imprenditoriale. 

Da questa indagine è venuto fuori qualcosa che Giorgio non mi aveva detto durante le nostre chiacchierate precedenti. 

Qualcosa di molto rischioso per la continuità aziendale. 

Un pericolo che, mentre stavamo analizzando l’azienda ed il suo modello di business, si è trasformato in realtà trascinando Giorgio ed i suoi soci, in pochissimo tempo, in una spirale negativa che li ha costretti a chiudere svendendo i macchinari. 

Per sapere di cosa si tratta, ti basterà guardare questo nuovo video.

Oltre ai dettagli della storia di Giorgio e dell’errore gli è costato la cessazione dell’attività al primo soffio di vento contrario, nel video scoprirai come analizzare i ricavi e i margini di profitto per ottenere le informazioni necessarie a prendere decisioni strategiche per il tuo business.

Perché è importante l’analisi dei ricavi?

Beh, analizzare i ricavi dal punto di vista strategico è fondamentale per gli imprenditori, innanzitutto per ridurre i rischi, ma anche per programmare l’espansione, anche se, a conti fatti, molti imprenditori non hanno il controllo di questo parametro. 

Il che significa, tra le altre cose, non sapere chi sono i propri clienti più redditizi, non sapere da dove arrivano veramente i profitti e non riuscire a identificare l’origine delle perdite. 

Si perché non avere il controllo dei ricavi vuol dire avere zero controllo sui margini di profitto della propria azienda, quindi non sapere né dove guadagni, né dove perdi soldi. 

Questo è uno dei problemi più gravi che riscontriamo nelle aziende che assistiamo e che ci contattano perché hanno problemi di liquidità. 

Aziende che perdono soldi e si indebitano sempre di più perché non hanno il controllo sui margini delle loro vendite. 

Come fare ad ottenerlo?

Tutto parte da un’analisi dei ricavi, cioè un’analisi delle fonti di ricavo dell’azienda e della loro incidenza, dalla quale di conseguenza si ricavano i margini di profitto. 

Nel video scoprirai come fare.

Scoprirai inoltre:

  • le diverse modalità per analizzare il fatturato
  • come e perché si analizzano anche i tempi di pagamento
  • quali sono i benefici di queste analisi. 

     

Cosa aspetti?

Guarda il video ora e riprendi il controllo della tua azienda attraverso i numeri guadagnando di più a parità di sforzo.

Vuoi approfondire questo tema?

Ne ho parlato in maniera più dettagliata nel mio libro Aziende che si Finanziano da Sole, nel quale attraverso i casi studio dei miei clienti ho spiegato com’è possibile creare un’azienda libera dai debiti e capace di autofinanziarsi.

Clicca sul pulsante rosso che trovi qui sotto per scaricare l’estratto gratuito e scoprire di più sul manuale.

Dopo aver scaricato l’estratto gratuito potrai decidere se acquistarlo approfittando di un’offerta dedicata agli imprenditori più veloci a investire per conoscere la Teoria delle 4 leve dell’autofinanziamento.

Aziende che si Finanziano da Sole

Il manuale che permetterà alla tua azienda di arrivare a finanziarsi da sola senza sottostare ai capricci delle banche, danneggiare i fornitori, cercare soldi dagli investitori e senza evadere le tasse attraverso stratagemmi strani.

Vuoi parlarne con qualcuno?

Il mio staff di consulenti è a tua disposizione per fornirti supporto e rispondere alle tue domande e darti tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Puoi richiedere una consulenza gratuita inserendo i tuoi dati nel modulo di contatto che trovi in fondo alla pagina.

1
Iscritti alla newsletter
1
Richieste di consulenza
1
Imprenditori Assistiti

E tu cosa aspetti?​

Inserisci i tuoi dati nel modulo

Richiedi la consulenza gratuita

Non sarai obbligato a comprare niente e la consulenza ricevuta non ti sarà addebitata in nessun caso.

Dopo aver compilato i campi nel modulo di prenotazione, cliccando sul pulsante di Conferma avrai accesso all'agenda dei consulenti, dove potrai scegliere l'appuntamento in base alle tue esigenze.

Segui il gruppo di Aziende che si Finanziano da Sole su Facebook

Resta aggiornato sui temi della finanza aziendale pratica per le PMI necessari per migliorare l’efficienza finanziaria dell’azienda e supportare la crescita, garantendo la liquidità necessaria.