fbpx

Azienda Tessile in difficoltà con le banche esce dalla crisi e si autofinanzia - CASO STUDIO

Quello che si instaura con le banche può diventare un vero e proprio “rapporto malato”.

Un po’ come quelle relazioni tossiche di cui parlano ogni tanto gli psicologi, nelle quali una delle due parti non riesce a svincolarsi dall’altra.

Può sembrarti eccessivo come accostamento, eppure ti assicuro che molte delle aziende che supportiamo intrattengono legami di questo tipo con le banche.

Molto spesso si tratta di una gestione sbagliata delle fonti di finanziamento che parte dalle origini dell’attività.

Una strada che col tempo conduce molte aziende a diventare schiave degli istituti di credito e molti imprenditori a prendere decisioni strategiche in base alla necessità di mantenere in essere i rapporti bancari.

Ne è un esempio la maglieria di Anna e sua sorella.

Un caso a cui sono particolarmente affezionato, perché abbiamo accompagnato l’azienda per più di tre anni, traghettandola da una condizione nella quale sembrava quasi spacciata, fino alla rinascita, resa possibile dall’introduzione dei meccanismi dell’autofinanziamento.

Non è stato semplice.

Siamo riusciti nell’impresa perché le imprenditrici hanno abbracciato l’idea di cambiare in maniera radicale il modo di gestire l’azienda, oltre che la liquidità.

Si partiva da una situazione di totale dipendenza dalle banche e di sudditanza da clienti e fornitori.

Un modus operandi talmente radicato nell’approccio imprenditoriale delle due sorelle, che era quasi inconcepibile pensare a una strada diversa.

In realtà la responsabilità della forte dipendenza dalle banche e di tutte le conseguenze che ne sono derivate non era solo delle imprenditrici.

Derivava dall’approccio conservativo e, a dirla tutta, anche piuttosto superficiale e sbrigativo, dei consulenti amministrativi dell’azienda.

Avevano contribuito a portare una bella azienda manifatturiera a una situazione ai limiti della sopravvivenza.

Vendite in perdita per anni e condizioni di finanziamento bancario ai limiti dell’usura, avevano portato un’azienda solida e affermata come la maglieria di Anna e sua sorella a bruciare liquidità in modo incontrollato.

Completa esposizione del patrimonio aziendale e personale, a causa di una forma societaria inadeguata e altamente rischiosa, altissimo rischio di pignoramento dei beni, conti correnti in tensione e insoluti bancari, TFR, contributi e ritenute d’acconto dei dipendenti mai versato, cartelle esattoriali e debiti fiscali non assolti, fornitori pronti a interrompere le forniture.

Questi erano i problemi da affrontare.

Chiunque avrebbe dichiarato il paziente clinicamente morto.

Soprattutto alla luce della profonda diffidenza di Anna nei confronti dei consulenti e del suo vero e proprio terrore a svincolarsi da un rapporto malato con le banche.

Eppure, anche le situazioni più disperate nascondono un margine di manovra e successo più che concreto.

Ho raccontato in un breve video la storia, i problemi e le soluzioni che abbiamo escogitato.

Guardandolo scoprirai:

  • Qual era la condizione finanziaria in cui versava l’azienda all’inizio del percorso di risanamento,
  • Da cosa sono scaturiti i problemi di liquidità aziendale,
  • Cosa (non) hanno fatto i loro consulenti per contribuire a portare l’azienda sull’orlo del baratro,
  • In che modo siamo riusciti a svincolare l’azienda dalle banche,
  • Come abbiamo riportato la marginalità positiva delle vendite,
  • In che modo abbiamo assicurato la continuità delle forniture.

 

E tanto altro ancora.

Guardando la storia di quest’imprenditrice, potrai capire come si possono spremere le risorse finanziarie interne all’azienda anche se non hai più accesso ai finanziamenti bancari.

Buona visione!

Vuoi approfondire questo tema?

Ne ho parlato in maniera più dettagliata nel mio libro Aziende che si Finanziano da Sole, nel quale attraverso i casi studio dei miei clienti ho spiegato com’è possibile creare un’azienda libera dai debiti e capace di autofinanziarsi.

Clicca sul pulsante rosso che trovi qui sotto per scaricare l’estratto gratuito e scoprire di più sul manuale.

Dopo aver scaricato l’estratto gratuito potrai decidere se acquistarlo approfittando di un’offerta dedicata agli imprenditori più veloci a investire per conoscere la Teoria delle 4 leve dell’autofinanziamento.

Aziende che si Finanziano da Sole

Il manuale che permetterà alla tua azienda di arrivare a finanziarsi da sola senza sottostare ai capricci delle banche, danneggiare i fornitori, cercare soldi dagli investitori e senza evadere le tasse attraverso stratagemmi strani.

Vuoi parlarne con qualcuno?

Il mio staff di consulenti è a tua disposizione per fornirti supporto e rispondere alle tue domande e darti tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Puoi richiedere una consulenza gratuita inserendo i tuoi dati nel modulo di contatto che trovi in fondo alla pagina.

1
Iscritti alla newsletter
1
Richieste di consulenza
1
Imprenditori Assistiti

E tu cosa aspetti?​

Inserisci i tuoi dati nel modulo

Richiedi la consulenza gratuita

Non sarai obbligato a comprare niente e la consulenza ricevuta non ti sarà addebitata in nessun caso.

Dopo aver compilato i campi nel modulo di prenotazione, cliccando sul pulsante di Conferma avrai accesso all'agenda dei consulenti, dove potrai scegliere l'appuntamento in base alle tue esigenze.

Segui il gruppo di Aziende che si Finanziano da Sole su Facebook

Resta aggiornato sui temi della finanza aziendale pratica per le PMI necessari per migliorare l’efficienza finanziaria dell’azienda e supportare la crescita, garantendo la liquidità necessaria.